Dalla Santa Maria Novella al Pellicano…per un drink

 

Federico Morosi è un bar manager che sa bene come allietare le serate dei sui clienti. Immerso in un totale relax, contornato da un eccellente musica dal vivo, il Pellicano Bar diventa luogo di sperimentazione per nuovi e curiosi cocktail. Dopo anni di esperienza ed un particolare attenzione Morosi, come lo stesso Hotel Il Pellicano, ha incontrato l’Officina Profumo Farmaceutica di santa Maria Novella. Un incontro dal quale sono nati una serie di cocktail per il piacere e la curiosità della clientela. Per questo abbiamo chiesto, proprio a Morosi, alcune impressioni su questa esperienza:

Chi è Federico Morosi?

Da ragazzo avevo un sogno nel cassetto: diventare barman, così come lo era stato il mio bisnonno che a cavallo degli anni ’30 aveva lavorato negli alberghi più prestigiosi, in Italia e nella Costa Azzurra. Anche io ho avuto la fortuna di prestare servizio in alberghi di lusso e il caso ha voluto che tutte le direzioni fossero a carattere famigliare, come lo è il Pellicano. Il mio sogno si è avverato e si rinnova ogni giorno.

 

Il Bar del Pellicano nasce sulla scia di quella che è la filosofia dell’Hotel. Se mi permette diventa una sorta di salotto della “casa” Sciò?

Concordo perfettamente. I nostri clienti sono prima di tutto “ospiti” e la familiarità che si instaura fa sì che, anno dopo anno, tornino sempre a questo luogo come alla loro “casa delle vacanze”. Il bar diventa quindi il luogo d’incontro per eccellenza, il “soggiorno di Casa”.

Quali sono le caratteristiche e peculiarità di questo Bar?

Ricordiamo che esistono due Bar. Il Bar Pellicano e il Bar Pool, aperto nei mesi estivi. Il Bar Pellicano è il classico American Bar, con musica live la sera e con una scelta di cocktails e drink internazionali. Il Bar Pool, invece, è il bar informale, dove i nostri ospiti trascorrono le giornate d’estate.

Il suo staff è attentamente selezionato?

Certamente. Tutto lo staff dell’albergo risponde a requisiti e standard di servizio elevati, così come la Relais & Châteaux impone. Nello specifico ho la fortuna di avere un team di collaboratori che mi segue dall’inizio della mia avventura e con il quale si è instaurato un grande affiatamento.

Eleganza e cura con lo sguardo rivolto sempre ad innovazione. È questa la ricetta del Pellicano Bar?

Sì. In un mondo dove tutto è globalizzato, uno dei miei segreti è riuscire a proporre drink innovativi preparati con eccellenze, piccole produzioni artigianali come i vostri liquori, che condividono con il nostro albergo una storia, una tradizione di famiglia che si tramanda nel tempo. Inoltre, per rimanere in tema di eleganza, al nostro bar, come nei grandi atelier di sartoria, creiamo cocktails personalizzati in onore dei nostri ospiti.

 

Perché la scelta d’inserire tra i vostri prodotti i liquori dell’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella?

Ricordiamo che siamo in Toscana. Santa Maria Novella esprime, nelle sue mille sfaccettature, anche la sua “toscanità”. Proporre ad un cliente attento ed esigente (il più delle volte straniero) un prodotto dal fascino particolare che gli ricorderà la sua vacanza in Italia, fa parte della nostra missione.

Quale l’elisir più apprezzato da lei e dalla clientela?

Premetto che i vostri liquori hanno tutti una forte personalità e un gusto ben caratterizzato. A parte i classici come l’Alkermes e la China, vengono apprezzati moltissimo l’Elisir Mediceo e lo Stomatico, sia lisci, ma il più delle volte miscelati nelle nostre composizioni. Tra i miei preferiti, senza dubbio, l’Elisir Mediceo.

Poi l’idea di creare dei cocktails in vista dei 400 anni che hanno festeggiato l’antica spezieria Fiorentina. Com’è nato questo progetto?

Tra tutte le bottiglie del mio bar, penso, nessuna possa vantare una così lunga storia. L’idea di celebrare un traguardo così prestigioso creando espressamente, per ogni bottiglia Santa Maria Novella, un drink mi è sembrata un’idea originale (subito condivisa con i miei collaboratori) per proporre questi nuovi cocktails anche ai nostri clienti.

Quale a suo avviso i migliori riusciti?

Pecco di superbia rispondendo “tutti”? Ogni ricetta ha una sua anima e un momento adatto alla sua degustazione.

 

 

Ci può dare qualche indicazione su di una o due ricette?

Una in particolare, che ha già incontrato il gusto dei nostri clienti, è un aperitivo che si chiama “Chinolino”. Si prepara nel tumbler con ghiaccio, mescolando 4/10 di Elisir di China Santa Maria Novella con 4/10 di Aperitivo Select ed una spruzzata di Ginger Ale. Si decora con una fetta d’arancia e una grattata di zenzero fresco.

Un altro “Must” è il mio primo cocktail creato con i vostri prodotti: l’ormai celebre “Camomilla”. Si prepara nel mixing glass con ghiaccio mescolando 7/10 di Vodka Ciroc e 3/10 di Liquore Mediceo. Il tutto ingentilito da foglie di limoncina del nostro giardino. Si serve nella coppetta da cocktail.

Pensa di poter sviluppare o sperimentare, nel futuro, qualcosa di nuovo con i prodotti dell’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella?

Certamente, il miglior cocktail è ancora da inventare! Mi piacerebbe creare dei nuovi cocktails ispirandomi al mondo dei vostri profumi. La storia continua…

 

Antonio Degl’Innocenti

 

 

 

 

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux